Intelligenza emotiva e il ruolo cruciale del padre ♥

 :: FORUM :: IL FORUM

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Intelligenza emotiva e il ruolo cruciale del padre ♥

Messaggio  lucciola il Lun Apr 27 2015, 09:49

copio incollo Wink

E’ tutto il mese che ci penso a quel capitolo del libro Intelligenza emotiva per un figlio dedicato al papà. E’ uno dei quei capitoli che a suo tempo, quando ho letto il libro ho quasi sorvolato, non essendo io padre, facendomi un appunto mentale di parlarne a GG, e dicendomi “vabbè il solito capitolo per non far sentire i padri fuori dal giro”. Perché diciamolo dai su, confessiamolo: noi mamme, anche quelle di noi che si ritengono più aperte, più moderne, più fifty-fifty con il partner, anche noi siamo dentro il nostro cuore convinte che si, è vero, però la mamma è tutta un’altra cosa. Il rapporto della mamma con il bambino è unico, è speciale, è insuperabile. E’ IL rapporto per eccellenza. Insomma, il papà può anche impegnarsi con il cambio del pannolino, portare a spasso il pupo in passeggino, fargli il bagnetto o giocare al leone in salotto. Ma noi mamme, siamo comunque il punto saldo del rapporto. Il caldo abbraccio. La sicurezza dell’Amore. Il nido dei sentimenti.
Ecco, è proprio di sentimenti che dobbiamo parlare invece. O meglio di emozioni e di emotività.

Il titolo del capitolo dedicato ai papà è “Il ruolo cruciale del padre”.
Cruciale? Aspetta, come cruciale?
Proprio così, sembra che quando il padre si impegna nell’educazione emotiva dei figli i risultati sono a dir poco sorprendenti. Miglior rendimento scolastico, facilità di gestire i rapporti con i compagni di classe, maggior autocontrollo, minor tendenza alla promiscuità sessuale, e da adulti capacità di costruirsi rapporti di coppia sani ed equilibrati. I bambini con padri assenti, fisicamente o emotivamente, invece hanno più facilmente problemi di rendimento scolastico, difficoltà nelle relazioni sociali e cadono più facilmente vittima di droghe, per fare qualche esempio.
Quante di voi stanno vivendo quella esperienza del “ah! E’ così! Ora è tutto chiaro”? Attenzione prima di incolpare vostro padre del vostro divorzio, o delle bocciature a scuola, ricordiamoci le attenuanti del caso. La generazione dei nostri genitori queste cose non le sapeva.
E i padri che non erano spontaneamente degli allenatori emotivi si guardavano bene dal mostrare empatia nei nostri confronti, dal mostrare i loro sentimenti, dall’accettare che il proprio figlio maschio si mettesse a piangere per un pallone rubato. A quei tempi i sentimenti non erano una cosa da uomini. Questo è certo.

Gottman invece inizia proprio con lo sfatare un mito. Gli uomini sono emotivi tanto quanto le donne. Hanno esattamente la stessa capacità di empatizzare con gli altri, e sono in grado di usare un intero vocabolario per descrivere le emozioni. E queste non sono altro che le basi dell’allenamento emotivo.

Ma insomma, ok, il padre avrà il suo bel ruolo, ma la mamma allora? E’ pur sempre il pezzo forte, no?!
Il mio ego da mamma non vuole darsi per vinto.

Eppure Gottman continua dicendo che il padre ha dei canali che sono preclusi alle madri. Chiaramente si parla di comportamenti medi, studiati su un certo numero di famiglie, è chiaro che le dinamiche famigliari possono essere diverse per ciascuno.
Però pare che ci sia un netta differenza tra il tipo di gioco che i padri fanno con i figli e quello che spontaneamente viene scelto dalle madri.
I papà giocano a fare il “vola-vola”, le capriole, le rincorse, a mettere paura. I padri sono molto più fisici delle madri nel gioco con i figli. Le mamme preferiscono fare un puzzle, disegnare con loro, giocare a carte. Insomma durante il gioco con i padri, i bambini vivono mediamente un’altalena emotiva maggiore, mentre le mamme sembrano fare di tutto per mantenere il livello emotivo più costante possibile.

E no, scusa, stai dicendo che tutte le volte che mi sono arrabbiata con GG perché faceva il leone in salotto rincorrendo il Vikingo che rideva e si eccitava a livelli inarrestabili poco prima di andare a dormire, dando il via ad una procedura dell’addormentamento praticamente infinita, in realtà dovevo essere contenta perché GG stava allenando emotivamente il Vikingo? Azz…

Ok magari alcuni padri dovrebbero imparare a limitare questo genere di giochi a momenti della giornata più adatti, però in sostanza è questo. Anche se non si è ancora perfettamente sicuri sul perché, è molto probabile che il modo di giocare più fisico del padre sia l’aspetto che ponga le basi per il loro rapporto speciale con le emozioni. Mette il padre sul piedistallo della guida emotiva, e rendendolo quindi il più adatto all’allenamento emotivo. Insomma quando il papà si trasforma in allenatore emotivo è più facile che il figlio si metta in ascolto, e percepisca in modo positivo e naturale il proprio rapporto con le emozioni.

Prima di lasciarvi alla lettura del libro, che a questo punto è fortemente consigliato sia a mamme che a papà, vorrei fare alcune considerazioni.

Alla luce di tutte queste ricerche che mostrano l’importanza della figura paterna nell’educazione dei figli, per la loro stabilità emotiva presente e futura, quanto ci metteremo a capire che ai padri DEVE essere data la stessa possibilità di stare con i figli che si da alle madri? Quanto ci vorrà prima che il congedo parentale venga condiviso da entrambi i genitori in modo equo?
E soprattutto, tu padre, che fai gli straordinari non pagati in ufficio fino alle 8 di sera, e arrivi a casa quando tuo figlio è già svenuto a letto, oppure è troppo stanco per giocare con te, sei proprio sicuro che ne valga la pena? Perché da che mondo è mondo, non si è mai visto nessuno che sul letto di morte ha detto “ah, come rimpiango nella mia vita di non essere rimasto in ufficio a lavorare fino a tardi più spesso!”

Buon allenamento emotivo a tutti!


http://genitoricrescono.com/intelligenza-emotiva-e-il-ruolo-cruciale-del-padre/

lucciola
"fairy mom"


Numero di messaggi : 18102
Età : 51
Località : TO RI NO
Sono mamma/papà di : Helle @ Francesco
è nato/sono nati : marzo 1995 - novembre 2008
oggi mi sento: :
oggi il mio bimbo/a è :

Tornare in alto Andare in basso

Re: Intelligenza emotiva e il ruolo cruciale del padre ♥

Messaggio  incantevolecreamy27 il Lun Apr 27 2015, 11:22

Ecco...
avatar
incantevolecreamy27
Mamma atletica
Mamma atletica

Numero di messaggi : 30049
Età : 42
Località : Italy
Sono mamma/papà di : Valentino&Mattia
è nato/sono nati : 30/12/2007 02/05/2010
oggi mi sento: :
oggi il mio bimbo/a è :

Tornare in alto Andare in basso

Re: Intelligenza emotiva e il ruolo cruciale del padre ♥

Messaggio  panciaro il Lun Apr 27 2015, 11:41

Sul discorso congedo parentale fino all'anno di vita io credo (ma non ho la verità in tasca, è solo il mio pensiero), che la madre non possa mettersi al pari di un padre e viceversa.
Il bimbo è stato per nove mesi dentro la pancia della mamma e viene possibilmente allattato. E' della madre che conosce l'odore, è di lei che va in cerca istintivamente......
E ringrazio di aver potuto rimanere a casa dal lavoro fino ad oltre l'anno di vita di mia figlia perchè a mio modesto parere ogni neonato dovrebbe poter godere della presenza della madre in quel primo periodo.
Il papà......è un buon padre se comprende, sostiene e facilita il compito della madre.
Più avanti il discorso cambia e mi sento in linea con quello che ho letto, anche se qui non è così, nel senso che il rapporto padre-figlia è splendido, sereno, ma durante la settimana non ci si vede quasi mai......dal venerdì sera alla domenica sera è una simbiosi.
avatar
panciaro
"fairy mom"


Numero di messaggi : 15001
Età : 45
Località : Treviso
Sono mamma/papà di : Sara
è nato/sono nati : 18 gennaio 2008
oggi mi sento: :
oggi il mio bimbo/a è :

Tornare in alto Andare in basso

Re: Intelligenza emotiva e il ruolo cruciale del padre ♥

Messaggio  Stefania il Lun Apr 27 2015, 12:33

Quindi quando la sera giocano a fare la lotta sul lettone, facendo un casino assurdo, e con entrambi i bimbi, a turno, che implorano aiuto e pieta' perche' il papa' li immobilizza in prese da wrestling devo lasciarli fare ed esserne contenta? Ok... scratch
avatar
Stefania
"Magic Moms"


Numero di messaggi : 13569
Età : 40
Località : Verona
oggi mi sento: :
oggi il mio bimbo/a è :

Tornare in alto Andare in basso

Re: Intelligenza emotiva e il ruolo cruciale del padre ♥

Messaggio  nandn il Mer Apr 29 2015, 04:43

L'avevo letto e condivido in pieno...in particolar modo il fatto che il padre è fondamentale nel SUO ruolo, non siamo interscambiabili, siamo diversi e abbiamo funzioni diverse nell'educazione dei bambini..i "mammi" non sono utili a nessuno
avatar
nandn
CUORE DI MAMMA
CUORE DI MAMMA

Numero di messaggi : 6131
Età : 34
Località : verona
Sono mamma/papà di : Brien e Matthew
è nato/sono nati : 28 febbraio 2008;24 aprile 2013
oggi mi sento: :
oggi il mio bimbo/a è :

Tornare in alto Andare in basso

Re: Intelligenza emotiva e il ruolo cruciale del padre ♥

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 :: FORUM :: IL FORUM

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum